Category Archives: Dal mondo

Mendoza, condannato per aver violentato un cavallo: “Stavo provando a concepire un centauro”

Andrew Mendoza di Wharton County – Texas, accusato bestialità per aver fatto sesso con il cavallo del vicino, durante l’arresto ha raccontato nei dettagli l’orribile vicenda, rinunciando al suo diritto di rimanere in silenzio.

Secondo la sua dichiarazione Mendoza stava aspettando la chiamata della sua ragazza …poiché lei non ha chiamato Mendoza ha deciso così di violentare il cavallo del vicino di casa.Forse un’inquietante ripicca?

Inizialmente non  era chiaro il motivo del folle gesto ma Mendoza ha poi specificato alla Polizia: <<Stavo cercando di mettere incinta il cavallo. Pensavo di far nascere un centauro.>>

Un centauro…non ci sono parole.

Mendoza, che già aveva alle spalle alcune denunce, si è comunque dichiarato colpevole. E ‘stato condannato a quattro mesi di carcere. Oltre a questa condanna avrebbe dovuto scontarne un’altra per violazione di domicilio e molestie su minori…non ha scontato nessuna delle due pene poiché si è impiccato nella sua cella.

Nella foto: A. Mendoza

Fonti:

http://www.trutv.com/library/crime/blog/2013/02/04/zoophile-i-was-trying-to-make-the-horse-have-a-baby/index.html

http://morallowground.com/2013/02/01/horse-rapist-andrew-mendoza-i-was-trying-to-make-a-horseman-baby/

mendoza

Advertisements

Pony…

La storia di Pony è una storia a dir poco raccapricciante…

Pony, l’Orangutan ,venne trovata dalla Fondazione Orangutan Survival, in un “villaggio/area di prostitute” nel Borneo, incatenata ad un muro e sdraiata su un materasso pieno di fluidi corporei: completamente rasata e coperta di punture di zanzare infette.

Ogni giorno veniva rasata in modo da renderla più attraente per i clienti che chiedevano sesso con lei. Sì, un orango era stato rasato e utilizzato come una prostituta, agghiacciante.

Utilizzata come schiava del sesso, nulla di più orribile. Forse aveva sei o sette anni quando venne salvata dalla Fondazione Orangutan Survival , probabilmente era tenuta prigioniera dalla proprietaria della casa di appuntamenti da molto tempo.

La signora in questione ha rifiutato più volte di abbandonare l’animale poiché tutti “amavano”Pony, ed era troppo redditizia.

La Fondazione Orangutan Survival, ha impiegato un anno per salvare Pony poiché ogni volta che si sono presentati al villaggio venivano minacciati armi alla mano.

Fortunatamente, alla fine, La Fondazione riuscì a raccogliere il denaro necessario per assoldare 35 poliziotti dotati di AK 47s costringendo la donna a liberare Pony con la minaccia di una strage se non avesse ascoltato la loro richiesta.

Nonostante questa orribile storia nessuno è stato mai denunciato per questo terribile abuso, nessuno…

Nella foto, Pony (credit save  orangutans)

Fonte:

http://www.theperfectworld.com/petitions/item/35-pony-the-orangutan-prostitute

1331923140_pony


Arrestato soldato per crimine di zooerastia…un’altra volta

Ottobre 2012

Un uomo di 31 anni, membro della Canadian Forces Base di Shilo (base militare) è stato accusato di aver proposto ad una donna di unirsi a lui per atti di zooerastia – pochi giorni dopo essere stato arrestato per lo stesso reato.

La polizia ha dichiarato che è arrivata una denuncia da una donna: ha detto loro che il 2 ottobre un uomo, su un sito di incontri online, le ha chiesto di partecipare ad atti sessuali con un cane.

Il sospetto è stato arrestato Martedì 23 Ottobre.

Questo arresto segue il precedente, avvenuto il 28 settembre per reati simili che coinvolgevano però un’altra donna, reato che presumibilmente si è verificato 10 settembre. Il soldato in quell’occasione venne rilasciato con precise restrizioni, dopo che la Polizia  sequestrò il computer dalla sua casa nei pressi di Brandon, a circa 215 km a ovest di Winnipeg.

Purtroppo non conosciamo l’esito dell’udienza, che c’è stata il 29 ottobre, per l’accusa di adescamento, rapporti sessuali illeciti, bestialità e diffusione di materiale osceno: sul web non si trovano ulteriori fonti in merito.

 

Fonte:

http://www.thepeterboroughexaminer.com/2012/10/24/soldier-charged-with-bestialityagain

 


USA – IN 17 STATI LA ZOOERASTIA E’ LEGALE

(Agosto 2011) Dopo l’articolo scritto su Janey, il cane vittima di abusi sessuali, emergono molte domande su come questo atto potrebbe essere legale negli Stati Uniti.

Purtroppo, in 17 stati USA la bestialità / zoofilia è ancora legale. Questo include Guam e le Samoa americane. Gli altri stati dove è legale sono Alabama, Connecticut, Hawaii, Kentucky, Nevada, New Hampshire, New Jersey, New Mexico, North Carolina, Ohio, Texas, Vermont, West Virginia, Wyoming e il Distretto di Columbia.

In quei paesi dove è ancora legale, l’unica considerazione che viene data è che se qualcuno è accusato di crudeltà verso gli animali, i pubblici ministeri possono scegliere di aggiungere il crimine alla lista del “precedente”, ma dal momento che non esiste norma giuridica che si avvicini al reato, ciò accade raramente.

Solo questo anno, a maggio, la Florida ha aggiunto una legge per vietare questo orrore. Ma c’è ancora molto lavoro da fare per apportare modifiche in tutta la nazione.

Recentemente un gruppo di zoofili ha fatto circolare una petizione che chiedeva una legge federale a favore di zoofilia. Fortunatamente, la pesante protesta da parte dei sostenitori dei diritti degli animali ha provocato il ritiro della petizione.Probabilmente, i sostenitori della pratica della zooerastia, cercheranno di farsi spazio nuovamente…

Perché i sostenitori di questa pratica disgustosa sono convinti che non ci sia niente di sbagliato. Molti sentono di avere una “storia d’amore” con i loro animali, e agli animali in realtà piace. Come sono arrivati a questa conclusione va oltre ogni comprensione. Questi sono animali indifesi, per i quali di solito c’è dolore intenso e molte volte danni fisici interno, non fatti per incontri sessuali con gli esseri umani, .

Se leggete la storia di Janey o di Charity e le sue sorelle, Hope e Faith (i 3 cuccioli pit bull che sono state abbandonate davanti ad un rifugio e che è stato poi dichiarato dai veterinari che le 3 erano vittime di ripetuti abusi sessuali) è possibile capire il tipo di danni emotivi e fisici che causa questa pratica orrenda.Charity non è sopravvissuta alle ferite interne subite. Le sue sorelle hanno avuto una lenta ripresa, sia fisicamente che emotivamente. Guardare quei volti innocenti la dice lunga su quanto sia sbagliata e orribile questa pratica.

Delle petizioni che circolavano, la prima chiedeva una legge federale per vietare questa pratica in tutto il terriorio USA, una seconda chiedeva di rendere illegale la zooerastia nel Nord Caorolina (dove vennero trovate Hope Faith e Charity) e una teza (ancora attiva) chiede l’oscuramento dei siti e video animal porn

http://www.change.org/petitions/prohibition-of-bestiality-video-creation-and-distribution-other-protections-against-exploitation

La Legal Defense Fund Animal sta lavorando a stretto contatto con i rappresentanti dello Stato per cercare di cambiare queste leggi a livello statale. Se vivete in uno degli stati in cui questa pratica è ancora legale, vi invito a scoprire se le petizioni o proposte di legge contro la zooerastia sono state attivate. In caso contrario, vi prego di prendere in considerazione la causa, contribuendo a chiedere le modifiche e l’illegalità di questa pratica orrenda nel vostro stato.

Fino a quando questo incubo è fuorilegge in tutto il paese, animali come Janey, Charity, Faith e Hope continueranno a soffrire e morire senza che nulla si stia facendo contro i mostri che hanno abusato di loro.

Dobbiamo assolutamente parlare di questi esseri innocenti ed essere la voce di cui hanno disperato bisogno. Non è sufficiente aiutarli una volta che il danno è fatto, abbiamo bisogno di lavorare per mettere in atto leggi che scoraggino queste persone ad abusare di animali indifesi.

Fonte:

http://www.examiner.com/article/states-where-bestiality-sex-with-animals-is-legal

Petizione:

http://www.change.org/petitions/prohibition-of-bestiality-video-creation-and-distribution-other-protections-against-exploitation

Foto:una vittima di abusi sessuali

59059cacb758cba70fbd13c89d9d249b